VICARIO DEL RETTOR MAGGIORE

 

doc   pdf   zip

SOCIETA DI SAN FRANCESCO DI SALES

casa generalizia salesiana

Via della Pisana 1111 - 00163 Roma

Il Vicario del Rettor Maggiore

 

Roma, 21 marzo 2016

Prot. n. 16/0111

Ai Reverendi

Ispettori e Superiori

Loro Sedi

Carissimo Ispettore,

                              spero che tu stia bene e che questa settimana santa ti aiuti a vivere, insieme ai confratelli, un inteso clima spirituale..

In questi giorni negli incontri del Consiglio generale intermedio, tra gli altri temi, abbiamo approfondito come avverrà l’approvazione dei Capitoli ispettoriali a riguardo dei due temi richiesti a ogni Ispettoria. Per informazione ti comunico come sarà il lavoro del Consiglio generale nello studio di tali Capitoli in vista della loro approvazione. Questi elementi che ora ti offro saranno poi visti con tutto il Consiglio generale a giugno, prima dello studio dei Capitoli stessi.

1. Applicazione del CG27

Nello studio di questo tema verificheremo se gli orientamenti e le scelte del Capitolo ispettoriale per l’attuazione del CG27 sono coerenti con le Costituzioni e i Regolamenti generali. Inoltre esamineremo se gli aspetti operativi fondamentali indicati dal CG27 sono stati assunti e concretizzati per la vita dell’ispettoria; in particolare valuteremo questi aspetti: identità della vita consacrata salesiana, vita spirituale personale e comunitaria, necessità della guida spirituale, fraternità nelle comunità, promozione della vocazione del salesiano coadiutore, formazione iniziale e permanente all’affettività, coinvolgimento dei laici nello spirito e nella missione, sinergia con la Famiglia salesiana, attuazione della pastorale familiare, assistenza e presenza animatrice tra i giovani, trasparenza, professionalità e solidarietà nell’utilizzo dei beni.

2.Ridiesegno delle presenze salesiane nell’Ispettoria

Nello studio di questo tema esamineremo se e quali criteri sono stati indicati dal Capitolo ispettoriale in riferimento a: consistenza quantitativa e qualitativa delle comunità, compiti dei confratelli salesiani nell’animazione delle opere e compiti dei laici, promozione della vocazione consacrata salesiana, necessità di aprire nuove opere, affidamento di opere ai laici sotto la responsabilità ispettoriale, qualificazione dei confratelli, chiusura di opere, impegno per i giovani poveri, sostenibilità delle opere, disponibilità a inviare confratelli in altre ispettorie e accogliere confratelli da altre ispettorie, coinvolgimento della Famiglia salesiana nelle nostre presenze.

Colgo l’occasione per porgerti gli auguri di Buona Pasqua. In Don Bosco

                                                                                                 Don Francesco Cereda