ELENCO DEI PARTECIPANTI AL CAPITOLO GENERALE 25

Scarica il file Scarica il file      

Consiglio Generale

1 P VAN LOOY Luc                        Vicario del Rettor Maggiore - Presidente

2 P NICOLUSSI Giuseppe              Consigliere per la Formazione

3 P DOMENECH Antonio              Consigliere per la Pastorale Giovanile - Regolatore

4 P MARTINELLI Antonio           Consigliere per la FS e la CS

5 P ODORICO Luciano                  Consigliere per le Missioni

6 P MAZZALI Giovanni                 Economo Generale

7 P BARUFFI Helvécio                   Consigliere regionale

8 P CHAVEZ V. Pascual                Consigliere regionale

9 P D'SOUZA Joaquim                    Consigliere regionale

10 P FEDRIGOTTI Giovanni Consigliere regionale

11 P RODRIGUEZ T. Antonio Consigliere regionale

12 P RODRIGUEZ M. Filiberto Consigliere regionale

13 P VAN HECKE Albert               Consigliere regionale

14 P MARACCANI Francesco Segretario generale

Regione salesiana: AFRICA - MADAGASCAR

15 P ROCA Alfredo                                 Sup. Visit. Africa Etiopia-Eritrea

16 P BARAKI Weldegabriel                   Delegato Africa Etiopia-Eritrea

17 P SWERTVAGHER Camiel             Ispettore Africa Centrale

18 P TSHIBANGU Joachim                  Delegato Africa Centrale

19 P RUVEZI Gaston                              Delegato Africa Centrale

20 P CHALISSERY George                   Ispettore Africa Est

21 P LOWE Glenford                              Delegato Africa Est

22 P GORE Robert                                   Sup. Visit. Africa Meridionale

23 L THUSI John Butana                      Delegato Africa Meridionale

24 P OLIVERAS Lluis Maria                 Sup. Visit. Africa Occidentale Francofona

25 P FERNANDEZ Antonio César Delegato Africa Occidentale Francofona

165

26 P PICCOLI Luiz Gonzaga                  Sup. Visit. Angola

27 P FAVARO Gino                      Delegato Angola

28 P OLAVERRI Miguel Angel               Sup. Visit. Africa Tropicale Equatoriale

29 P ASSIENE Grégoire                            Delegato Africa Tropicale Equatoriale

30 P MIELE Giuseppe                              Sup. Visit. Madagascar

31 P SALVO Bartolomeo                         Delegato Madagascar

32 P SOCHA Kazimierz                           Sup. Visit. Zambia

33 P LEWANDOWSKI Grzegorz Delegato Zambia

Regione Salesiana: AMERICA LATINA CONO SUD

34 P REPOVZ José                                    Ispettore Argentina - Buenos Aires

35 P LAPADULA Enrique                        Delegato Argentina - Buenos Aires

36 P LOPEZ Joaquín                                Ispettore      Argentina - Bahía Bianca

37 P LAXAGUE Esteban                         Delegato Argentina - Bahía Bianca

38 P JARA Walter                                      Ispettore Argentina - Córdoba

39 P BARBIERI Horacio                         Delegato Argentina - Córdoba

40 P FIERENS Antonio                            Ispettore Argentina - La Plata

41 P PERERA Ramón Darío                   Delegato Argentina - La Plata

42 P BOSIO Carlos Alberto                     Ispettore      Argentina - Rosario

43 L DEVIT Eduardo                               Delegato Argentina - Rosario

44 P SCARAMUSSA Tarcísio                 Ispettore Brasile - Belo Horizonte

45 P CARRARA DE MELO Alfredo Delegato Brasile - Belo Horizonte

46 P WINKLER Josef                               Ispettore Brasile - Campo Grande

47 P VENDRAME Paulo Fernando Delegato Brasile - Campo Grande

48 P SUCARRATS FONT Jok                 Ispettore Brasile - Manaus

49 L LOBATO Antonio                            Delegato Brasile - Manaus

50 P SANDRINI Marcos                          Ispettore Brasile - Porto Alegre

51 P MOSER Assis                                    Delegato Brasile - Porto Alegre

52 P SOBRINHO Raimundo Ricardo Ispettore Brasile - Recife

53 P VANZETTA Diego                           Delegato Brasile - Recife

166


54 P PESSINATTI Nivaldo Luiz           Ispettore       Brasile - Sào Paulo

55 P SPINOSA Benedito                         Delegato Brasile - Sào Paulo

56 P BASTRES Bernardo            Ispettore Cile

57 P STRAHSBURGER Hugo     Delegato Cile

58 P CARDOZO Miguel Angel     Ispettore Paraguay

59 P AQUINO Severo                  Delegato Paraguay

60 P BISIO Enrique                    Ispettore Uruguay

61 P STURLA Daniel                  Delegato Uruguay

Regione Salesiana: AUSTRALIA - ASIA

62 P MURDOCH Ian                   Ispettore Australia

63 P PAPWORTH John               Delegato Australia

64 P HON Tai-Fai Savio                         Ispettore       Cina

65 P LAM Simon                         Delegato Cina

66 P GUSTILO Francis                           Ispettore       Filippine Nord

67 L FERRER Jose Maria                      Delegato Filippine Nord

68 P BUZON Patricio                              Ispettore       Filippine Sud

69 P BACLIG Mario                   Delegato Filippine Sud

70 P FUJIKAWA Nagaki Stefano        Ispettore Giappone

71 P PUPPO Orlando Lorenzo     Delegato Giappone

72 P COELHO Ivo                      Ispettore India - Bombay

73 P FURTADO Adolf                 Delegato India - Bombay

74 P NORONHA Romulo            Delegato India - Bombay

75 P ALENCHERRY Francis       Ispettore India - Calcutta

76 P BERGER John                     Delegato India - Calcutta

77 P YE MAUNG Joachim                     Delegato India - Calcutta

78 P MULAYINKAL Thomas      Ispettore India - Dimapur

79 P PULIMOOTTIL Alex           Delegato India - Dimapur

80 P BARJO Philip                                   Ispettore       India - Guwahati

81 P VARICKASSERIL Jose                 Delegato India - Guwahati

82 P MALIECKAL Francis                    Delegato India - Guwahati

167

83 P MEDABALIMI Balaswamy     Ispettore India - Hyderabad

84 P AREVIPOOR Jose                       Delegato India - Hyderabad

85 P MARUVATHRAIL Matthew Ispettore India - Bangalore

86 P FERNANDEZ Joseph                  Delegato India - Bangalore

87 P KOLLASHANY George              Delegato India - Bangalore

88 P FERNANDO Bellarmine             Ispettore India - Madras

89 P KANAGA Maria Arokiam         Delegato India - Madras

90 P PUTHOTA Benjamin                 Delegato India - Madras

91 P KEZHAKKEKARA Joseph        Ispettore India - New Delhi

92 P PEEDIKAYIL Michael               Delegato India - New Delhi

93 P THEOPHILUS James                 Ispettore India - Tiruchy

94 P SUSAI Amalraj                            Delegato India - Tiruchy

95 P WONG Andrew                            Sup. Visit. Indonesia - Timor

96 P CARBONELL José                      Delegato Indonesia - Timor

97 P KLEMENT Vklav             Ispettore Korea

98 P KIM Benjamin                 Delegato Korea

99 P SOMCHAI KITNICHI Philip Ispettore Thailandia

100 P SARACHIT Niphon Peter           Delegato Thailandia

101 P NGUYEN VAN TY Giovanni Ispettore Vietnam

102 P NGUYEN VAN THEM G. Battista Delegato Vietnam

Regione Salesiana: EUROPA NORD

103 P VÒSL Josef                                    Ispettore       Austria

104 P OBERMIYLLER Petrus              Delegato Austria

105 P PALMANS Piet                             Ispettore Belgio Nord

106 P LOOTS Carlo                                 Delegato Belgio Nord

107 P KOMÀREK Jan                            Ispettore Rep. Ceca

108 P KAgN'si'T JiK1                                Delegato Rep. Ceca

109 P MATUgIC Ambrozije                  Ispettore Croazia

110 P KRPIC Josip                                  Delegato Croazia

I Sostituto da P JANCARIK Zdenek dal 25 marzo 168


111 P BOGUSZEWSKI Henryk            Sup. Circos. Circos. Est

112 P BACZYNSKI Andrzej                 Delegato Circos. Est

113 P VON SPEE Meinolf                      Ispettore Germania Nord

114 P VON HATZFELD Ulrich Hatto Delegato Germania Nord

115 P BIHLMAYER Herbert                Ispettore Germania Sud

116 P GRUNNER Josef                          Delegato Germania Sud

117 P MENZ Heinz                                 Delegato Germania Sud

118 P PRESTON Francis                        Ispettore Gran Bretagna

119 P DICKSON William John              Delegato Gran Bretagna

120 P SMYTH Michael               Ispettore Irlanda

121 P MANGION Victor                         Delegato Irlanda

122 P SPRONCK Herman           Ispettore Olanda

123 P FLAPPER Wim                  Delegato Olanda

124 P STRIA Józef                                  Ispettore Polonia - Warszawa

125 P KOWALIK Krzysztof                  Delegato Polonia - Warszawa

126 P NIEWgGLOWSKI Jan                 Delegato Polonia - Warszawa

127 P WOREK Jerzy                               Ispettore Polonia - Pila

128 P BALCERZAK Antoni                  Delegato Polonia - Pila

129 P CHMIELEWSKI Marek             Delegato Polonia - Pila

130 P KRAS01n1 Franciszek               Ispettore Polonia - Wroclaw

131 P KEMPIAK Ryszard                      Delegato Polonia - Wroclaw

132 P ROZMUS Tadeusz                       Ispettore Polonia - Kraków

133 P KRAWCZYK Wojciech               Delegato Polonia - Kraków

134 P CHRZAN Marek                          Delegato Polonia - Kraków

135 P FEKETE Vladimír                        Ispettore        Slovacchia

136 P TURANSK Stefan                        Delegato Slovacchia

137 P GRACH Pavol                               Delegato Slovacchia

138 P DOBRAVEC Alojzij                     Ispettore Slovenia

139 P gTUMPF Peter                   Delegato Slovenia

140 P HAVASI József                 Ispettore Ungheria

141 P MÉSZÀROS Gyórgy                    Delegato Ungheria

169

Regione salesiana: EUROPA OVEST

142 P JEANMART José                           Ispettore Belgio - Sud

143 P VAN der SLOOT André                 Delegato Belgio - Sud

144 P 1NISAN Job                       Ispettore Francia

145 P FEDERSPIEL Daniel                     Delegato Francia

146 P CHARMOILLE Jean-Noél           Delegato Francia

147 P MENDES Joaquim                         Ispettore Portogallo

148 P PEREIRA Artur                              Delegato Portogallo

149 P VALLS i FERRER Domènec Ispettore Spagna - Barcelona

150 P CODINA Joan                                 Delegato Spagna - Barcelona

151 P LETE Ignacio                                  Ispettore      Spagna - Bilbao

152 P GUTIERREZ Luis Fernando Delegato Spagna - Bilbao

153 P ACOSTA RODRIGUEZ Felipe Ispettore Spagna - Córdoba

154 P MUN OZ Eusebio                           Delegato Spagna - Córdoba

155 P FERNÀNDEZ ARTIME Angel Ispettore Spagna - León

156 P GUZÓN NESTAR José Luis Delegato Spagna - León

157 P GUERRA IBAREZ Jesús              Ispettore Spagna - Madrid

158 P APARICIO SÀNCHEZ Manuel Delegato Spagna - Madrid

159 P DíEZ ANDRÉS Julio                      Delegato Spagna - Madrid

160 P PEREZ GODOY Juan Carlos Ispettore Spagna - Sevilla

161 P VIGUERA FRANCO Valentìn Delegato Spagna - Sevilla

162 P SANCHO Juan Bosco                   Vicario Ispet. Spagna - Valencia

163 P ORDUNA ABADIA Undido Delegato Spagna - Valencia

Regione Salesiana: INTERAMERICA

164 P SOTO Angel                                     Ispettore      Antille

165 P ROSARIO PERA Luis Emilio Delegato Antille

166 P HERRERO Miguel Angel              Ispettore Bolivia

167 P ZABALA TÓRREZ Juan Pablo Delegato Bolivia

168 P GUIJO GONZALEZ José Manuel Ispettore Centro America

169 P ECHEVERRIA Rolando              Delegato Centro America

170


170 P LANTAGNE Luc                          Sup. Visit. Canada

171 D HARKINS George             Delegato Canada

172 P RIVERA Nicolb                 Ispettore Colombia - Bogotà

173 P REYES ZAMBRANO Mario Delegato Colombia - Bogotà

174 P ALVAREZ Armando         Ispettore Colombia - Medellín

175 P ANGEL CAMPUZANO A.de Jesús Delegato Colombia - Medellín

176 P ORTIZ Esteban                             Ispettore       Ecuador

177 P FARFÀN Marcelo              Delegato Ecuador

178 P NAU Jean-Baptiste                       Sup. Visit. Haiti

179 P FLORIVAL Elan               Delegato Haiti

180 P GUERRERO CORDOVA Héctor Ispettore Messico - Guadalajara

181 P PLASCENCIA José Luis             Delegato Messico - Guadalajara

182 P VALERDI SANCHEZ L. Rolando Ispettore Messico - México

183 P OCAMPO URIBE Ignacio          Delegato Messico - México

184 P DAL BEN Santo                Ispettore Perú

185 P ZEGARRA FINTO José     Delegato Perú

186 P ANGELUCCI Patrick                   Ispettore       Stati Uniti - Est

187 P DUNNE Thomas                Delegato Stati Uniti - Est

188 P REINA Nicholas                           Ispettore       Stati Uniti - Ovest

189 P ITZAINA John                  Delegato Stati Uniti - Ovest

190 P MASIERO Bruno              Ispettore Venezuela

191 P REYES SEQUERA Johnny         Delegato Venezuela

Regione Salesiana: ITALIA- MEDIO ORIENTE

192 P SCAGLIONI Arnaldo                  Ispettore       Italia - Adriatica

193 P DILETTI Pietro                             Delegato       Italia - Adriatica

194 P TESTA Luigi                                    Sup. Circos. Italia - Circos. Piemonte

195 P MARTOGLIO Stefano                  Delegato Italia - Circos. Piemonte

196 L MARANGIO Claudio                    Delegato Italia - Circos. Piemonte

197 P BOSCO Giovanni Battista            Delegato Italia - Circos. Piemonte

198 L BOMBARDA Guido                      Delegato Italia - Circos. Piemonte

171

199 P RIVA Eugenio                                 Ispettore     Italia - Lombardo Emiliana

200 P CACIOLI Claudio                          Delegato Italia - Lombardo Emiliana

201 P VANOLI Stefano                           Delegato Italia - Lombardo Emiliana

202 P COLAJACOMO Giorgio                Ispettore Italia - Ligure Toscana

203 P D'ALESSANDRO Giovanni Delegato Italia - Ligure Toscana

204 P GALLONE Francesco                    Ispettore Italia - Meridionale

205 P COMITE Gennaro                         Delegato Italia - Meridionale

206 P SAMMARRO Pasquale Italo Delegato Italia - Meridionale

207 P CARNEVALE Mario                     Ispettore Italia - Romana

208 P PUSSINO Gian Luigi                      Delegato Italia - Romana

209 L MAGAGNA Giuseppe                   Delegato Italia - Romana

210 P LILLIU Giovanni                           Sup. Visit. Italia - Sardegna

211 P GALIA Gaetano                             Delegato Italia - Sardegna

212 P LA PIANA Calogero                      Ispettore     Italia - Sicilia

213 P DI NATALE Francesco                 Delegato Italia - Sicilia

214 P RUTA Giuseppe                              Delegato Italia - Sicilia

215 P FILIPPIN Claudio                          Ispettore     Italia - Veneta Est

216 L PETTENON Giampietro               Delegato Italia - Veneta Est

217 P TREVISAN Alberto                       Delegato Italia - Veneta Est

218 P BREGOLIN Adriano                     Ispettore     Italia - Veneta Ovest

219 P BONATO Giannantonio               Delegato Italia - Veneta Ovest

220 P MURRU Mario                               Ispettore Medio Oriente

221 P CAPUTA Gianni                             Delegato Medio Oriente

Casa Generalizia

222 P MOTTO Francesco                        Delegato RMG

Visitatoria Università Pontifica Salesiana

223 P CEREDA Francesco                      Sup. Visit. UPS

224 P PELLEREY Michele                      Delegato UPS

172


Invitati

225 P VANDECANDELAERE Frans Delegato ispettoriale AFC ‑

per Rwanda - Burundi - Goma

226 L FONTAINE Gastón                      Angola

227 L GRANADOS Wilfredo                 Centro America

228 P BARBERO Valeriano                  Delegato ispettoriale FIN

per Papua New Guinea

229 P CASTELLINO Riccardo             Italia - Piemonte-Nigeria

230 L DAS Joseph                                   India - Madras

231 P De PABLO Valentin                     Delegato ispettoriale POR per Mozambico

Addetti alla traduzione

per il francese        don Lambert PETIT

don Christian BIGAULT don Joseph OCCHIO

per l'inglese           don Bernard GROGAN

don Giorgio WILLIAMS don Rocco RAGONE don Chrys SALDANHA

per il portoghese don Ervino MARTINUZ

don Hilario PASSERO

per lo spagnolo don Oswaldo GORZEGNO don Gabriel LARRETA don Angelo BOTTA don Ambrosio BOEM don Francese BALAUDER

per il tedesco         don Johannes BORCHARDT

don Josef PRIVOZNIK

173

CRONISTORIA DEL CAPITOLO GENERALE 25°

(24 febbraio — 20 aprile 2002)

Si inizia il Capitolo

Il 24 febbraio 2002 arrivano alla Casa Generalizia i 231 membri del CG25 per dare inizio al 25° Capitolo Generale, che' ha per tema centrale «La comunità salesiana oggi» e per tema complementare «La verifica sulle strutture del governo centrale».

Essi rappresentano i 16.805 salesiani che lavorano in 128 nazioni del mondo. Per oltre 160 delegati è la prima volta che partecipano ad un Capitolo Generale. Provengono dai cinque continenti: 6 dall'Africa, 55 dall'America, 40 dall'Asia, 2 dall'Australia e 128 dall'Europa. L'età media dei capitolari è di 52 anni, compresa tra i 74 del più anziano e i 27 del più giovane.

Alle ore 7,30 di lunedì 25 febbraio il Vicario del Rettor Maggiore, don Luc Van Looy, presiede la solenne Concelebrazione di invocazione dello Spirito Santo. Le parole dell'omelia danno il senso con il quale af­frontare l'impegno di confronto e riflessione del Capitolo: «Non siamo noi a dirigere questa parte della storia salesiana — dice. In linea con quanto Don Bosco ha vissuto lungo la sua vita, vogliamo mettere il timone nelle mani di Dio, dello Spirito e di Maria Ausiliatrice».

Alle ore 10,30 presso l'Aula Magna del "Salesianum", rinnovata e at­trezzata con le più aggiornate tecnologie, ha luogo la sessione di apertura del CG25. Sono presenti alcuni cardinali e vescovi salesiani, oltre ai re­sponsabili di alcuni gruppi della Famiglia Salesiana. Tra i primi ricor­diamo: il cardinale Antonio M. Javierre Ortas, il cardinale Oscar Rodri­guez Maradiaga, mons. Vincenzo Savio, vescovo di Belluno, mons. Alois Kothgasser, vescovo di Innsbruck, mons. Vartan Boghossian, eparca di S. Gregorio di Narek per i fedeli armeni dell'Argentina, mons. Gennaro Prata, arcivescovo emerito di Cochabamba.

Dichiarati aperti i lavori da parte del Regolatore don Antonio Dome­nech, don Luc Van Looy legge il messaggio augurale del Santo Padre. In esso il Papa, dopo aver ricordato il compianto don Juan Vecchi, invita i ca‑

175

pitolari a seguirne le orme, chiedendo loro e a tutta la Congregazione sale­siana di essere «educatori attenti», «accompagnatori spirituali compe­tenti». Giovanni Paolo II auspica inoltre di fare del Duc in altum il motto programmatico non solo di questo Capitolo, ma di tutta l'attività aposto­lica del prossimo futuro per l'intera Congregazione.

Al messaggio del Papa seguono l'intervento del cardinale Eduardo Martínez Somalo, prefetto della Congregazione per gli Istituti di Vita Con­sacrata e le Società di Vita Apostolica, e i saluti augurali di alcuni rappre­sentanti della Famiglia Salesiana: Madre Antonia Colombo, Superiora Generale delle Figlie di Maria Ausiliatrice, il Signor Rosario Maiorano, coordinatore generale dei Cooperatori Salesiani, la Sig.na Anita Meertens, Responsabile maggiore delle Volontarie di don Bosco — a nome anche dei Volontari con don Bosco — e infine il Signor Antonio Guilhermino Pires, presidente confederale degli Ex allievi/e. Segue il discorso inaugurale del Vicario del Rettor Maggiore.

L'Assemblea capitolare muove i primi passi

Alle ore 16.00 dello stesso giorno, lunedì 25 febbraio, ha luogo la prima sessione ordinaria di lavoro. Il Regolatore apre i lavori presentando la tabella degli impegni che aspettano i capitolari; si sofferma, in partico­lare, sulla dinamica dei lavori dell'Assemblea e delle commissioni, se­condo il Regolamento del Capitolo.

Il giorno seguente, martedì 26 febbraio, il Vicario del Rettor Mag­giore presenta la Relazione sullo stato della Congregazione nel sessennio 1996-2002. In sintesi, don Luc Van Looy descrive l'obiettivo, il contenuto, i destinatari e il carattere della relazione che contiene, fra l'altro, anche i dati statistici relativi ai salesiani, alle opere, ai collaboratori e ai destinatari della loro missione apostolica.

A partire dalla lettura dei dati, il Vicario sottolinea alcuni tratti carat­teristici ed i problemi più urgenti relativi alle situazioni in cui si trovano a vivere e lavorare oggi le comunità salesiane. Evidenzia inoltre alcuni ac­centi che il Capitolo Generale, appena aperto, deve porre all'interno del suo impegno di riflessione e confronto: la comunità come luogo di forma­zione ordinaria e permanente dei confratelli; il ruolo chiave del direttore nella comunità religiosa e nell'opera ad essa affidata; la significatività di un'opera, che si riconosce nelle priorità che si rispettano e nei destinatari che si privilegiano. Conclude lanciando uno slogan: «O saremo mistici o non saremo!».

176


Il Regolatore invita i Capitolari a fare un'attenta lettura della Rela­zione ed a preparare per la settimana seguente il dialogo di approfondi­mento con lo stesso Vicario del Rettor Maggiore.

Nel pomeriggio vengono presentati i due documenti di lavoro preparati dalla Commissione Precapitolare: il documento su «La comunità salesiana oggi», presentato da don Francesco Cereda, superiore della Visitatoria UPS, e il documento sulla «Verifica delle strutture del governo centrale», presen­tato da don William John Dickson, dell'Ispettoria della Gran Bretagna.

Iniziano gli Esercizi Spirituali

Alle 19,20 del 26 febbraio iniziano gli Esercizi spirituali in prepara­zione al lavoro di riflessione e di confronto che attende i Capitolari. Sono predicati e animati da monsignor Alois Kothgasser, salesiano, vescovo di Innsbruck (Austria), che propone delle meditazioni sul tema del "Duc in altum", in relazione alla lettera apostolica del Papa Novo Millennio Ineunte e alla Strenna che il compianto don Vecchi ha lasciato alla Fami­glia Salesiana per il 2002.

Al termine di questa prima giornata i capitolari si riuniscono per il momento della "buona notte", tenuta da padre Camillo Maccise dei Car­melitani Scalzi, presidente emerito dell'Unione dei Superiori Generali. Padre Maccise concentra la sua breve riflessione sulle sfide — ne indica sette — che si pongono davanti alla vita consacrata nella Chiesa e nel mondo di oggi all'inizio del terzo millennio.

Giovedì 28 febbraio, conclusa la prima riflessione di mons. Koth­gasser, i Capitolari si recano in pellegrinaggio presso le catacombe di San Callisto, dove oltre a don Juan Vecchi sono sepolti anche i precedenti due Rettori Maggiori don Egidio Viganò e don Luigi Ricceri. Si inizia con un momento di preghiera, presieduta da don Van Looy, nella cappella della comunità salesiana di San Tarcisio. Successivamente i Capitolari si recano in processione alla tomba del Rettor Maggiore, sostando in preghiera per­sonale di suffragio.

La seconda giornata si conclude con il pensiero di "buona notte" ri­volto da Madre Antonia Colombo, Superiora delle Figlie di Maria Ausilia­trice, la quale, in relazione alla prossima ricorrenza del 125° anniversario della prima spedizione missionaria delle FMA in America, esprime la sua gratitudine affermando che, come allora, «anche oggi senza i salesiani non saremmo in molte parti del mondo» e conclude con un'efficace espres­sione: «senza di voi non saremmo noi». Madre Antonia accenna poi al

177

tema del loro 21° Capitolo Generale, che si terrà il prossimo settembre: "Nella rinnovata Alleanza, l'impegno di una cittadinanza attiva".

Il giorno successivo inizia con la celebrazione eucaristica presieduta da Sua Em.za Card. Oscar Rodriguez Maradiaga il quale, a partire dal tema biblico delle letture del giorno, sprona i Salesiani ad essere sempre promotori di una cultura della vita rispetto alla cultura di morte molto pre­sente nella società contemporanea.

Sabato 2 marzo terminano gli Esercizi spirituali con la celebrazione eucaristica presieduta da Mons. Alois Kothgasser. Nella serata un gruppo di Capitolari partecipa alla recita del rosario con il Santo Padre nell'occa­sione di un incontro organizzato dalla diocesi di Roma con i giovani uni­versitari della città.

I lavori del Capitolo entrano nel vivo

La seconda settimana di lavori capitolati inizia con la comunicazione della nomina, da parte del Vicario del Rettor Maggiore, don Luc Van Looy, di don Antonio Martinelli quale Presidente supplente del Capitolo durante il periodo della sua assenza, causata da un incidente stradale di cui è stato vittima il sabato precedente.

Di seguito, il Regolatore del Capitolo, don Antonio Domenech, legge il messaggio di ringraziamento che il Vicario del Rettor Maggiore, a nome dei membri del CG25, ha inviato al Santo Padre. In esso, don Van Looy scrive: «Studieremo il tema della "Comunità salesiana oggi", seguendo le linee che la Santità Vostra ci ha tracciato, nel desiderio di rendere profetica la missione di Don Bosco nel nuovo millennio», assicurando la fedeltà della Congregazione «al Vostro Magistero e la volontà di collaborare sempre con la Chiesa universale e particolare».

L'Assemblea, successivamente, passa alla votazione del Regolamento del Capitolo, che viene approvato a larga maggioranza.

Nel pomeriggio si completa la Presidenza del Capitolo con l'elezione dei tre moderatori da una lista di nomi presentata dal Presidente del Capitolo. I confratelli eletti sono: don Savio Hon Tai-Fai, ispettore di Hong Kong, don William John Dickson, dell'Ispettoria Gran Bretagna, e il signor Claudio Marangio, della Circoscrizione Speciale del Piemonte e Valle d'Aosta.

Nei giorni di martedì 5 e mercoledì 6 marzo i Capitolari, suddivisi in 15 gruppi linguistici, iniziano ad approfondire la relazione del Vicario del Rettor Maggiore sullo stato della Congregazione ed i due documenti di

178


lavoro relativi al tema della comunità salesiana e della verifica delle strut­ture di governo.

Ogni gruppo, secondo la propria sensibilità ed esperienza, sceglie tre priorità a partire da quelle espresse dalla relazione del Vicario del Rettor Maggiore; un piccolo gruppo ne fa una sintesi, che il Regolatore presenta all'Assemblea come aiuto per la riflessione da fare sui temi capitolari.

Dopo un'ampia discussione sui due documenti di lavoro, nel pome­riggio del mercoledì 6 marzo, entrambi sono approvati come base per co­minciare i lavori delle Commissioni e dell'Assemblea: il documento sulla comunità salesiana è accettato quasi all'unanimità e con poco più di due terzi quello sulla verifica delle strutture del governo centrale.

Sin dalle battute iniziali i lavori di Assemblea si caratterizzano per nu­merosi interventi e richieste di chiarimento, a testimonianza che il CG25 entra ogni giorno di più nel vivo e che gli argomenti sono visibilmente sentiti. Molti Capitolari prendono per la prima volta la parola, mentre alcuni dimostrano già molta più dimestichezza con gli interventi. Tra gli interventi più frequenti, la richiesta della produzione di un documento conclusivo semplice, praticabile, uno strumento per la vita delle comunità che miri più all'aspetto operativo che a quello teorico.

Le commissioni capitolari

Nel primo pomeriggio di mercoledì 6 marzo il Vicario generale don Luc Van Looy viene operato dai professori della Clinica Pio XI di Roma. Dopo aver assicurato l'Assemblea del buon esito dell'intervento, il Rego­latore del Capitolo passa a presentare la proposta per la formazione delle commissioni capitolari. Ne sono costituite sei, alle quali vengono assegnati i seguenti argomenti: alla prima il nucleo tematico della vita fraterna; alla seconda quello della testimonianza evangelica; alla terza, la presenza ani­matrice fra i giovani; la quarta studierà il nucleo del direttore e della for­mazione permanente; mentre la quinta assume l'ultimo nucleo sulle nuove situazioni e forme di comunità salesiana. Alla sesta commissione è asse­gnato il tema della verifica delle strutture del governo centrale e le diverse proposte di cambiamento delle Costituzioni e dei Regolamenti generali. A queste commissioni di lavoro del Capitolo si deve aggiungere la commis­sione per la comunicazione, composta da un capitolare per ogni regione.

Terminata la costituzione delle commissioni, l'ordine dei lavori pre­vede l'esame della proposta della data di elezione del Rettor Maggiore e del suo Consiglio, e la presentazione delle modalità per il discernimento.

179

Dopo un'attenta discussione in aula, l'Assemblea approva il calendario proposto: le elezioni si terranno nella settimana dal 2 all' 8 aprile.

Durante questo tempo i capitolari saranno aiutati nel processo di di­scernimento da padre Anthony McSweeney, sacramentino, già superiore generale della sua Congregazione ed ex-presidente dell'Unione Superiori Generali (USG).

Intanto le sei commissioni iniziano a lavorare e procedono subito alla elezione dei rispettivi presidenti, relatori e segretari. I sei presidenti for­mano, insieme al Presidente del Capitolo, al Regolatore e ai tre Modera­tori, la Commissione Centrale, che si riunisce per la prima volta alle 21.30 di giovedì 7 marzo.

Un'esperienza diretta di comunità

I capitolari non parlano soltanto sulla comunità, ma la vivono intensa­mente durante i due mesi del Capitolo Generale. Questa esperienza diretta crea rapporti profondi di comunione, aiuta a condividere esperienze e men­talità, esprime, soprattutto attraverso la preghiera e le celebrazioni, le radici e le fonti della vita in comunità, ci rende testimoni e non solo maestri.

L'orario delle giornate del Capitolo prevede al mattino la celebrazione delle Lodi e dell'Eucaristia, solitamente per gruppi linguisitici tranne il mercoledì, quando ci si ritrova tutti insieme per la celebrazione, di volta in volta animata da una Regione. Seguono in mattinata due momenti di la­voro: il primo dalle 9.00 alle 10.30, il secondo dalle 11.00 alle 12.45 circa. Lo spazio dopo il pranzo si caratterizza invece per il momento della ricrea­zione, vissuto dai capitolari secondo varie modalità: chi passeggia per i viali della Pisana, chi gioca a basket o a calcetto nei rispettivi campi del Salesianum, attrezzati per l'occasione, chi si misura nel tradizionale gioco salesiano delle bocce. Ogni tanto per i viali della Casa Generalizia compare anche qualche capitolare con pattini "roller" ai piedi, oppure in bicicletta. Nel pomeriggio i lavori riprendono alle 15.30 per terminare solitamente alle 19.00, con un intervallo di mezz' ora intorno alle 17.00. La serata pro­segue poi con la celebrazione del vespro tutti insieme, la "buona notte" data a turno dagli Ispettori delle diverse Regioni, particolarmente apprez­zata per il clima di comunione e famiglia che favorisce, ed infine la cena.

La settimana di lavoro si conclude con qualche proposta di gita, prepa­rata dal gruppo per l'animazione della vita comunitaria; sono momenti di fraternità ed anche — in alcune opportunità — di condivisione con diverse co­munità salesiane (ad es. nell'Ispettoria meridionale o nella Ligure-toscana).

180


All'inizio di ogni settimana i capitolari possono vedere una breve sintesi del lavoro della settimana attraverso un video preparato dal centro Eurofilm della Procura Don Bosco di Torino.

Il lavoro delle commissioni

Tornando alla cronaca dei lavori capitolari, la terza settimana riprende con il lavoro delle commissioni. Le cinque prime, alle quali è stato asse­gnato lo studio dei diversi nuclei del tema sulla comunità salesiana, appro­fondiscono gli apporti dei Capitoli ispettoriali e definiscono gli elementi più rilevanti della situazione, scelgono le sfide più urgenti e cercano gli orientamenti operativi più adeguati per rispondere ad esse. In questo la­voro alternano momenti di studio personale e in piccoli gruppi, con mo­menti di condivisione e discussione insieme nella commissione.

La sesta commissione, da parte sua, concentra l'attenzione sullo studio delle proposte di modifica degli articoli costituzionali che possono interessare le elezioni. Il mercoledì 13 marzo presenta all'Assemblea al­cune opzioni circa la durata in carica del Rettor Maggiore e quella dei membri del Consiglio Generale, le procedure di elezione dell'economo ge­nerale, e la suddivisione della Regione Australia-Asia in due distinte zone, con il conseguente aumento del numero dei Consiglieri regionali.

Si inizia la discussione in aula su queste proposte; ogni opzione riceve abbondanti interventi in merito; al termine del dibattito, la commissione propone i corrispondenti voti sondaggi per accertare l'opinione dell'Assem­blea. Questa si esprime favorevolmente per la suddivisione della Regione Australia-Asia; conferma la modalità di elezione diretta dell'economo ge­nerale; dà parere positivo alla proposta di limitare a soli due sessenni conse­cutivi l'incarico del Rettor Maggiore; e infine suggerisce alla commissione di trovare una diversa formulazione alle due proposte sulla durata in carica dei membri del Consiglio generale e sulla loro rieleggibilità ad altro dica­stero o regione, superati i due mandati con lo stesso incarico.

Nel frattempo le altre commissioni presentano per la discussione in Assemblea i risultati del loro studio. Si giunge così al termine della terza settimana di Capitolo.

Visita alla nuova biblioteca dell'UPS

Nel pomeriggio di sabato 16 marzo i membri del CG25 si recano in visita della nuova struttura nella quale sarà collocata la Biblioteca Don

181

Bosco dell'Università Pontificia Salesiana. La visita, per gruppi linguistici, è preceduta da una cerimonia presieduta dal Vicario del Rettor Maggiore, don Luc Van Looy, dimesso quel giorno stesso dalla Clinica Pio XI.

Il Vicario, nelle sue parole, ricorda come la Biblioteca, nata dalla mente di don Egidio Viganò durante l'anno centenario della morte di Don Bosco e avviata nella sua costruzione da don Juan Vecchi, sia da conside­rare Biblioteca non solo dell'UPS, ma di tutta la Congregazione.

All'intervento di don Van Looy seguono quelli del Rettor Magnifico dell'Università, don Michele Pellerey, il quale traccia una breve storia della Biblioteca e ne mette in evidenza le potenzialità e la funzionalità; di don Francesco Cereda, superiore della Visitatoria dell'UPS, che ricorda e ringrazia quanti hanno voluto la sua realizzazione; dell'Economo Gene­rale, don Gianni Mazzali, che ne illustra la "storia economica"; e di don Juan Picca, Prefetto della Biblioteca, che sottolinea il valore e le novità peculiari della nuova struttura.

Il Vicario del Rettor Maggiore rimane ospite dell'infermeria del­l'UPS, per un periodo di convalescenza e pieno ricupero, fino al lunedì 18 marzo, quando farà ritorno alla Casa Generalizia per riprendere il suo posto al Capitolo Generale 25.

Le discussioni in Assemblea

Lunedì 18 marzo si inizia la discussione dei diversi nuclei del tema sulla comunità salesiana preparati dalle cinque prime commissioni. Decine e decine di interventi in aula insistono sulla necessità di mettere più a fuoco le sfide che derivano dalle situazioni descritte, e soprattutto di sce­gliere gli orientamenti capaci di aiutare le comunità a divenire più signi­ficative e profetiche. Le commissioni raccolgono questi suggerimenti, insieme con quelli ricevuti per scritto, e ristudiano il tema loro affidato, rielaborando il documento presentato.

Nel frattempo la sesta commissione ha riformulato le proposte presen­tate e le ripropone all'Assemblea. La discussione si centra in modo spe­ciale sulla separazione dei dicasteri della Famiglia Salesiana e della comu­nicazione sociale, con la possibile attribuzione della responsabilità del­l'animazione della Famiglia Salesiana al Vicario del Rettor Maggiore.

Conclusa la discussione sulle modifiche degli articoli costituzionali, la sesta commissione ne prepara la prima stesura, che sottopone a vota­zione con possibilità di "modi" e successivamente a votazione definitiva, nei giorni prima delle feste pasquali.

182


Oltre a queste prime votazioni, la Settimana Santa si caratterizza per la presentazione in Assemblea da parte di tutte le commissioni della seconda redazione dei propri documenti. Anche la sesta commissione presenta la prima stesura del documento sulla verifica delle strutture del governo centrale, che ha dovuto ritardare per dare priorità alle questioni costituzionali che interessavano le prossime elezioni del Rettor Maggiore e dei membri del Consiglio.

In queste settimane la comunità del Capitolo vive anche altri momenti di fraternità. Il lunedì 18 marzo arriva la notizia dell'assassinio di mons. Isaias Duarte Canino, avvenuto in Colombia sabato 16 marzo. A nome di tutta l'Assemblea, il Vicario del Rettor Maggiore don Luc Van Looy, in qualità di Presidente del Capitolo Generale 25, esprime la solidarietà dei Capitolari a monsignor Alberto Giraldo Jaramillo, Presidente della Confe­renza Episcopale della Colombia, attraverso un messaggio firmato da tutti i membri del CG25.

Questo stesso giorno dopo cena l'aula magna si trasforma in teatro, per accogliere la performance del "Mago Sales", il salesiano don Silvio Mantelli. Giochi di prestigio, esibizioni di trasformismo, scherzi di illusio­nismo affascinano, stupiscono e divertono i Capitolari del CG25 per una quarantina di minuti. Alcuni Capitolari vengono direttamente coinvolti, prestandosi con entusiasmo agli inviti del "mago".

Nel dopo cena di mercoledì 27 marzo si vive un momento di comme­morazione di don Vecchi con la presentazione di un libro, edito dalla SEI e curato dal salesiano don Vittorio Chiari, dal titolo "Globalizzazione, crocevia della carità educativa". Si tratta di un testo che riassume il pensiero di don Vecchi circa la situazione di sfruttamento dei minori sotto vari profili. Al ter­mine della serata, dopo alcuni brevi sketch da parte di un clown del gruppo di don Chiari, viene consegnata anche la lettera mortuaria di don Vecchi.

La pausa di Pasqua

L'intenso lavoro di queste settimane rende auspicabile una pausa nel ritmo capitolare, anche per permettere una più intensa partecipazione al triduo pasquale. Ma prima di questa pausa, il mercoledì santo pomeriggio, il P. Anthony McSweeney presenta all'Assemblea il processo di discerni­mento che si seguirà durante tutte le elezioni e risponde, in particolare, ad alcune domande precedentemente preparate dai Capitolari.

Nella seconda parte della mattinata del giovedì santo il Vicario del Rettor Maggiore, don Luc Van Looy, risponde in Assemblea alle domande

183

sulla relazione sullo stato della Congregazione, che erano state presentate a suo tempo dai Capitolari e alle quali egli non aveva potuto rispondere a causa dell'incidente e del conseguente intervento chirurgico subito.

Al termine dei lavori, l'Assemblea si ritrova alle 18.00 in chiesa per la solenne celebrazione in Coena Domini, presieduta da don Joaquim D'- Souza, Consigliere regionale dell'Australia-Asia.

Nei giorni seguenti un consistente numero di Capitolari (oltre 100) parte per la Casa Madre di Torino, dove trascorrerà le giornate della Pasqua in visita ai luoghi salesiani di Valdocco, Colle Don Bosco e Mornese.

L'elezione del Rettor Maggiore e del Consiglio Generale

Rientrati tutti i Capitolari dopo la pausa delle festività pasquali, si ri­prendono i lavori martedì 2 aprile alle ore 9.00, dando avvio al processo di discernimento condotto da P. Anthony McSweeney che porterà alla ele­zione del Rettor Maggiore e del Consiglio Generale.

Nella serata di martedì i membri del CG25, dopo aver riflettuto du­rante tutto il giorno per gruppi linguistici sulle sfide e sui punti di forza della Congregazione, sulle principali qualità che deve avere il nuovo Rettor Maggiore, si riuniscono in chiesa per invocare insieme lo Spirito Santo e prepararsi così al momento delle elezioni. Il mercoledì mattina, 3 aprile, su invito di padre McSweeny, ogni capitolare consegna un foglio contenente un solo nominativo proposto alla carica di Rettor Maggiore. Alle ore 11.00 viene comunicata la lista dei nomi proposti per la rifles­sione personale di ogni capitolare.

L'elezione si tiene il pomeriggio alle ore 16.00. Al primo scrutinio viene eletto a larga maggioranza don Pascual Chgvez Villanueva.

Con la solenne celebrazione del vespro, in cui si canta il Te Deum per il nuovo Rettor Maggiore, cui segue la prima "buona notte" e la cena, si conclude la prima giornata delle elezioni. Al termine della cena, in refet­torio si vive un semplice ma sincero momento di famiglia, in cui i vari gruppi regionali esprimono con canti nelle varie lingue la loro gioia per il nuovo Rettor Maggiore.

La giornata di giovedì 4 aprile inizia con la Concelebrazione eucari­stica, presieduta dal nuovo Rettor Maggiore, e prosegue nel discernimento per l'elezione del Vicario del Rettor Maggiore.

L'elezione si tiene il pomeriggio alle ore 17.30. Al secondo scrutinio, a larga maggioranza, risulta riconfermato don Luc Van Looy.

184


Tra le giornate di venerdì e sabato vengono eletti successivamente i Consiglieri dei diversi settori. Venerdì 5 aprile sono eletti: D. Francesco Cereda al settore della Formazione e D. Antonio Domenéch alla Pastorale Giovanile. Sabato 6 aprile: D. Tarcisio Scaramussa, alla Comunicazione Sociale; D. Francis Alencherry, alle Missioni e D. Giovanni Mazzali come Economo Generale.

Giunti a questo punto, i Capitolari sospendono i lavori per riprenderli nel pomeriggio di domenica, con il discernimento per l'elezione dei Consi­glieri regionali, la cui lista — preparata da ogni Regione — viene presentata all'Assemblea nella serata stessa di domenica.

Nella giornata di lunedì 8 aprile l'Assemblea dei Capitolari ricon­ferma don Albert Van Hecke per l'Europa Nord, don Joaquim D' Souza per l'Asia Sud, don Helvécio Baruffi per l'America Latina — Cono Sud, don Filiberto Rodríguez Martin per l'Europa Ovest. Vengono quindi scelti i 4 nuovi Consiglieri regionali: don Adriano Bregolin, ispettore della Veneta Ovest, per l'Italia - Medio Oriente; don Esteban Ortiz Gonzàlez, ispettore dell'Ecuador, per l'Interamerica; don Vàclav Klement, ispettore della Korea, per l'Asia Est - Oceania e don Valentín de Pablo, della Delegazione del Mozambico, per l'Africa-Madagascar.

Una settimana molto intensa di esperienze e di lavoro

Terminata la settimana delle elezioni, in cui si è dato alla Congrega­zione il nuovo Rettor Maggiore con il suo Consiglio, il Capitolo riprende il lavoro di riflessione, redazione e presentazione dei temi.

Da martedì 9 al pomeriggio di venerdì 12 aprile si ha la discussione sulla seconda stesura dei documenti delle cinque commissioni, le quali nel frattempo hanno redatto la stesura definitiva dei rispettivi documenti, sulla base delle osservazioni ricevute. La sesta commissione, da parte sua, pre­senta la seconda stesura del proprio documento, opportunamente riveduto dopo i contributi ricevuti in aula.

Nella mattinata di venerdì 12 aprile, i Capitolari del CG25 sono rice­vuti in udienza dal Sommo Pontefice, Giovanni Paolo II. Poco dopo le 11.15 del mattino, varcano il "Portone di bronzo" per raggiungere la Sala Clementina in Vaticano. Alle 11.40 il Santo Padre entra nella sala e si ferma a salutare personalmente il Rettor Maggiore, don Pascual Chàvez. Un caldo e lungo applauso sottolinea la gioia dei Capitolari di essere rice­vuti nella casa del Papa. L'incontro dura complessivamente circa 25 mi­nuti. Il Papa nelle sue parole invita ai Salesiani ad essere santi: «Cari sale‑

185

siani, ci dice, siate santi... È la santità il vostro compito essenziale, come lo è del resto, per tutti i cristiani!».

Riconfortati dalle parole del Papa, nel pomeriggio i Capitolari prose­guono il lavoro del Capitolo, che si avvia verso la fine. Con lo scopo di rendere più omogenei i testi delle singole commissioni, e dare unità di stile ai diversi nuclei che costituiscono il documento sulla comunità salesiana oggi, comincia a lavorare un piccolo gruppo redazionale composto da tre capitolari.

Il dono delle beatificazioni

Quasi alla fine del CG25, la domenica 14 aprile, la Chiesa offre a tutta la Famiglia Salesiana il dono della beatificazione di tre dei suoi membri, don Luigi Variara, fondatore delle Figlie dei Sacri Cuori di Gesù e Maria, suor Maria Romero Meneses, Figlia di Maria Ausiliatrice, e il si­gnor Artemide Zatti coadiutore salesiano.

In preparazione a questa data, il Capitolo vuole fare una riflessione sulla figura del salesiano coadiutore, seguendo le indicazioni e l'invito del ricordato don Juan Vecchi nella sua lettera "La beatificazione del coadiu­tore Artemide Zatti: una realtà dirompente". Suddivisi in gruppi lingui­stici, i Capitolari ricercano suggerimenti ed esperienze per stimolare la Congregazione e la Famiglia Salesiana a conoscere meglio e a proporre con più convinzione questa forma concreta della vocazione salesiana.

Nel pomeriggio di sabato 13 aprile i Capitolari si recano presso il Tempio Don Bosco di Cinecittà, per partecipare ad una veglia di preghiera con la Famiglia Salesiana del Lazio e con quanti si trovano già a Roma per la celebrazione del giorno seguente.

I tre Beati riuniscono in Piazza San Pietro, nella mattinata di dome­nica, moltissimi pellegrini provenienti da varie parti del mondo salesiano. Alla celebrazione partecipano il Rettor Maggiore don Pascual Chàvez, il Consiglio generale e i membri del Capitolo Generale 25. Sono presenti anche molte personalità religiose e civili, tra cui i Presidenti di Costa Rica e Nicaragua, alti rappresentanti di Argentina e Colombia, i sindaci delle città italiane che hanno dato i natali ai beati, i cardinali salesiani Miguel Obando Obravo e Oscar Rodríguez Maradiaga, e molti vescovi salesiani. Si stima la presenza in Piazza San Pietro di oltre 15.000 fedeli. Alla cele­brazione prendono parte i tre miracolati, che portano le reliquie dei Beati per intercessione dei quali hanno ricevuto la grazia richiesta.

186


Nel pomeriggio, il Rettor Maggiore, insieme ai Capitolari, prende parte alla commemorazione dei nuovi Beati tenutasi nell'Aula Paolo VI in Vaticano.

Le battute finali del Capitolo

Il Capitolo si avvia alla conclusione; durante l'ultima settimana le di­verse commissioni presentano i testi per la prima votazione, con possibilità di modifiche attraverso i "modi", e quindi i testi definitivi per la loro vota­zione finale.

Nel pomeriggio di lunedì 15 aprile, presso il Teatro Don Bosco di Ci­necittà a Roma, ha luogo la commemorazione ufficiale del centenario del­l'erezione della Ispettoria Salesiana Romana. Alla manifestazione pren­dono parte il Rettor Maggiore don Pascual Chàvez e i membri del CG25. Numerosa la presenza di personalità religiose e civili, fra le quali il cardi­nale salesiano Antonio M. Javierre Ortas, gli arcivescovi Tarcisio Bertone e Gennaro Prata, e altri vescovi salesiani presenti a Roma in occasione della beatificazione di don Luigi Variara, Artemide Zatti e suor Maria Romero.

In questi stessi giorni si presentano all'Assemblea i testi dei Messaggi indirizzati alla Famiglia Salesiana, agli Organismi Internazionali che si oc­cupano di problematiche giovanili, ai giovani ed infine anche un mes­saggio del Capitolo sulla figura del salesiano coadiutore, frutto della rifles­sione assembleare tenuta nella settimana precedente. Dopo che i Capitolari hanno avuto possibilità di esprimere le proprie osservazioni e dare suggeri­menti, i Messaggi vengono approvati dall'Assemblea.

Il Capitolo si congeda sabato 20 aprile con la sessione di chiusura. Compiuti gli ultimi adempimenti previsti dal Regolamento, il Rettor Mag­giore tiene il discorso conclusivo, nel quale presenta una sintesi del cam­mino fatto e offre a tutti alcune indicazione per l'applicazione degli orien­tamenti capitolari.

La Concelebrazione eucaristica rappresenta l'atto finale del CG25; in essa ogni Regione s'impegna a trasmettere ai confratelli e alle comunità l'esperienza e il messaggio del Capitolo; tutti insieme si affida a Maria Ausiliatrice il frutto dello sforzo realizzato.

187

INDICE TEMATICO ANALITICO

Accompagnamento

— Accompagnamento spirituale dei SDB 31

— Accompagnamento dei giovani 37, 45, 141, 143, 146

— Accompagnamento e proposta vocazionale 38, 48, 185

— Accompagnamento dei processi di cambiamento e nell'animazione e governo 95, 99, 120, 121, 122, 125, 135

Animazione

— Animazione comunitaria

- L'animazione della comunità passa principalmente attraverso la formazione continua 185

-              Un nuovo modello pastorale nel quale la comunità salesiana ha un compito di animazione 183

-              Il direttore ha un ruolo fondamentale nell'animazione della comunità 185

-              Curare un'animazione capace di attivare processi 186

— Animazione della CEP 80

— Animazione dei laici 39, 70, 79

— Animazione da parte dell'Ispettore 65

— Animazione da parte del Rettor Maggiore con il suo Consiglio

- come centro di unità e animatore della comunione nella comunità a tutti i li­velli 87, 89

-              valutazione sostanzialmente positiva sul servizio di animazione e di governo del Rettor Maggiore e del suo Consiglio 91

-              alcune difficoltà 93, 95

- programmare e verificare gli interventi di animazione 116

Assemblea comunitaria

— Favorisce e promuove il dialogo tra i confratelli 34, 73

— La formazione permanente si realizza attraverso il funzionamento degli organismi della comunità 73; e la partecipazione a particolari momenti comunitari 53

Capitolo Generale

— Il Capitolo Generale grande occasione di formazione, di discernimento, di parte­cipazione 149; tempo di comunione e di proficuo lavoro 141; un cantiere dove tanti progetti si mettono a fuoco 152

189

-    Il Capitolo Generale 25, primo del terzo millennio, suoi obiettivi 141, 142, 148, 155, 160, 184

-    Orientamento operativo sulle modalità di svolgimento dei Capitoli Generali 136, 186

Chiesa

-    La nostra vocazione nella Chiesa 2, 3, 41, 158, 163, 168; fedeltà alla Chiesa 146, 147

-    La comunità come esperienza di Chiesa 19, 48; fare della Chiesa la casa e la scuola della comunione 144, 181, 188

-    Condividiamo lo spirito e la missione di Don Bosco nella Chiesa locale e nel territorio 37, 68, 150, 153, 195

-    Studiare e confrontarsi con il Magistero della Chiesa, specialmente con la sua dottrina sociale 47, 53, 73

Comunicazione

-    Bisogno e difficoltà della comunicazione 7, 11, 13, 54

-    La comunicazione nel progetto di vita comunitaria 15

-    La comunicazione con la comunità ispettoriale e con la Congregazione e l'acco­glienza degli stimoli e degli orientamenti che giungono da esse 111, 159

Comunicazione sociale

-    Favorisce la crescita del senso di appartenenza 11

-    L'invadenza dei mezzi di comunicazione sociale tolgono spazi ai rapporti fra­terni 12

-    Educare all'uso appropriato dei mezzi di comunicazione sociale 33

-    Collaborare con istituzioni ecclesiali e civili 46

-    Nuovo spazio vitale di aggregazione dei giovani 47

-    Il Consigliere per la comunicazione sociale 133, 137

Comunione

Cf. Comunità, Condivisione, Spiritualità di comunione Comunità educativo-pastorale (CEP)

-    La comunità salesiana, punto di riferimento per l'identità carismatica del nucleo animatore della CEP 80, 155, 183

-    Coinvolgere efficacemente tutti i confratelli nell'animazione della CEP 34, 70, 73, 79

-    Coordinare la CEP e il suo Consiglio con la comunità locale e il suo Consiglio 79, 81

-    La CEP come luogo privilegiato dell'accompagnamento della scelta vocazionale 48, 185

190


Comunità salesiana

Nota: Tutta la prima parte dei documenti capitolari ha come soggetto e oggetto primario la comunità salesiana. In questo indice si sottolineano alcuni aspetti.

-    Identità e centralità della comunità salesiana 8, 17, 85, 142, 155

-    La vita comunitaria esprime il primato di Dio 26, 30, 38

-    L'esperienza spirituale della comunità 40, 41, 47, 61, 163

-    Aspetto profetico della comunità salesiana 40, 44, 47

-    La comunità locale, luogo di crescita umana e vocazionale 15

-    Condizioni che rendono possibile e aiutano la vita fraterna in comunità 12, 13, 40, 67, 68, 69, 185

-    La comunità salesiana tra i giovani e con i giovani secondo lo stile del Sistema Preventivo 37, 39, 43, 46, 152, 155

-    Vita comunitaria e missione salesiana 40, 46, 66, 69, 71, 160 - La comunità e la presenza salesiana 38, 39

-    La comunità salesiana nel nucleo animatore della CEP 39, 70

-    Rapporto tra comunità e opera 71, 78

-    Operare con progetti 47, 65, 73

-    La comunità salesiana, proposta vocazionale 45, 48

-    Diverse situazioni di vita comunitaria 68

-    Consistenza qualitativa e quantitativa della comunità salesiana 12, 71, 75, 77, 84

- La comunità ispettoriale - Soggetto della missione 66 - Promuovere la coscienza di una missione comune 76

Condivisione

-    Condivisione della vita

- Testimonianza e disponibilità alla condivisione 8, 11, 14, 18 - La sfida della condivisione della vita e missione 13, 71

-    Condivisione dell'esperienza spirituale 31, 61, 185

-    Condivisione dei beni con i poveri e il popolo 35, 47, 68

-    Condivisione della missione

-    Collaborazione e condivisione nella CEP 39, 46, 58, 138

-    Condivisione della programmazione sessennale 102

-    Favorire nel Capitolo Generale la condivisione di esperienze significative 136

Confratelli

Confratelli anziani, ammalati 12, 60

-    Confratelli giovani e in formazione

-    Presenza dei confratelli giovani nella pastorale vocazionale 48

-    Attenzione ai confratelli giovani nella formazione iniziale 54, 56, 60 - Il primo compito del direttore 64

191

Consigli evangelici

-      Dimensione ascetica dei consigli evangelici 20

-      Gioiosa testimonianza individuale e comunitaria 28, 33

-      Esplicitare il valore umanizzante dei consigli evangelici 33

· L'obbedienza

- Dialogo e fedeltà al progetto comunitario 34, 185

· La castità

- La comunità esprime il suo amore per Dio e la totale dedizione ai giovani 23, 28, 185

- Segno profetico del Regno e proclamazione della dignità di ogni persona 36, 135

- Programmi di educazione all'amore e di valorizzazione della castità 36

· La povertà

- Valore della povertà evangelica 23, 145, 161, 185 - Concretezza della povertà evangelica 28, 35

Consiglio/Consiglieri

· Consiglio generale (Cf anche Rettor Maggiore) - Ruolo del Consiglio Generale nella Congregazione 87, 88, 107

- Dialogo tra Consiglio Generale e Ispettorie e Regioni 94, 98, 100, 106 - Procedere sempre con progetti, prevedendo processi e verifiche 77, 79, 104, 186

- Promuovere un processo di valutazione nelle Ispettorie e Regioni per reimpo­stare la presenza salesiana 77

- Limitazione della durata in carica dei membri del Consiglio Generale 132

· Consiglieri di settore

- L'articolazione del Consiglio in Consiglieri di settore e Consiglieri regionali, considerata sostanzialmente positiva per l'animazione e il governo della Con­gregazione 87

- Il servizio di animazione dei Consiglieri di settore 108, 109, 110

- Presenza e vicinanza dei Consiglieri di settore alle Ispettorie 102, 104

- Uffici tecnici e consulte al servizio dei Consiglieri 116

- Deliberazione riguardo alla attribuzione della Famiglia Salesiana al Vicario del RM e alla costituzione di uno specifico Consigliere per la Comunicazione so­ciale 133

·  Consiglieri regionali

- L'articolazione del Consiglio in Consiglieri di settore e Consiglieri regionali, considerata sostanzialmente positiva per l'animazione e il governo della Con- • gregazione 87

- Apprezzamento della figura del Consigliere regionale 118, 119

- Organizzazione delle Ispettorie dell'Europa 129

- Configurazione dei gruppi di Ispettorie (Regioni) per il sessennio 130

192


·  Consiglio ispettoriale (Cf anche Ispettoria)

- Impegni affidati all'Ispettore e il suo Consiglio 16, 60, 74, 77, 84

·  Consiglio locale

- Promuovere il dialogo nella comunità attraverso gli incontri di Consiglio 34, 73 - Luogo di formazione permanente 76

-  Coordinare fra loro la CEP e il suo Consiglio con la comunità locale e il suo Consiglio 81

Consistenza quantitativa e qualitativa

-    Condizione previa per la vita fraterna, la testimonianza evangelica e la presenza tra i giovani 71, 75, 77, 185, 192

-    L'Ispettore e il suo Consiglio valutano la consistenza qualitativa e quantitativa delle comunità 77, 84

Contesto

-               Attenzione ai contesti 3, 22, 53, 187, 188, 189

-    Risposta salesiana ai contesti 44, 47, 57, 84, 187 Corresponsabilità

-    Crescere verso una maggiore corresponsabilità per una più efficace condivisione della missione 39, 46, 83, 159

-    Favorire la corresponsabilità di ogni confratello 73, 74

-    Corresponsabilità nell'animazione della CEP 79, 80, 163

Correzione fraterna

-    La comunità si costruisce con la correzione fraterna 14, 15, 54, 85

Costituzioni

-    Modifiche di articoli delle Costituzioni: cf. Deliberazioni

Crescita

·  Crescita umana, vocazionale

- La comunità locale, luogo di crescita umana e vocazionale 13, 15, 49, 163, 166, 185

-  Responsabilità di ogni confratello 53, 54

-  Il direttore, punto di riferimento e animatore della crescita vocazionale 52

-  La CEP luogo di crescita vocazionale del giovane 41, 48

·  Crescita personale

-  Stimolata dalla stessa vita comunitaria 13, 185

-  Diverse aree di crescita personale 47, 57

193

·     Crescita comunitaria

-    Stretta connessione tra maturazione del singolo e della comunità 10

-    Favorire la crescita dell'identità religiosa attraverso i momenti comunitari di condivisione, la "lectio divina", l'accompagnamento... 54, 58, 61

-    Creare un ambiente di fraternità sereno e gioioso 36, 49, 159

Cristo

Cf. Gesù Cristo

Deliberazioni (modifiche Costituzioni e Regolamenti - orientamenti operativi)

-    Limitazione della durata in carica del Rettor Maggiore (Cost. 128) 131

-    Limitazione della durata in carica dei membri del Consiglio generale (Cost. 142)

132

-    Attribuzione del settore della Famiglia Salesiana al Vicario del Rettor Maggiore e costituzione del Consigliere per la Comunicazione sociale (Cost. 133. 134. 137)

133

-    Modifica dell'art. 24 dei Regolamenti generali 134

-    Divisione del Gruppo di Ispettorie Australia-Asia 135

-    Orientamento operativo sulle modalità di svolgimento dei Capitoli Generali 136

Dialogo

-    Dialogo e comunicazione interpersonale

-    Disponibilità al dialogo favorendo la partecipazione di tutti 13, 15, 53, 54, 65, 73

-    Dialogo comunitario come cammino di ricerca della volontà di Dio 23, 32, 34, 74

-    Il dialogo come strumento di formazione permanente 51, 56

-    Dialogo con i giovani e la loro cultura 46, 48, 81, 85

-    Dialogo tra centro e ispettorie 97, 100, 108, 114

-    Dialogo interculturale e interreligioso 3, 44, 46, 188

Dio

-    Primato di Dio 22, 30, 31, 185, 190

-    Dio ci chiama a vivere in comunità 5, 9, 17, 49, 66, 85

-    La risposta al dono di Dio 25, 31, 37, 86, 191

-    La totale donazione a Dio e ai giovani 21, 23, 24, 37

-    La nostra vita fraterna testimonianza e segno profetico del Regno di Dio 7, 18, 25, 36, 47, 66; con lo splendore della castità 36

Direttore

-    Il direttore, centro di unità, guida pastorale e animatore della fedeltà vocazionale 52, 63, 64

194


-    Sfide alla sua missione 54, 63

-    Scelta e formazione dei direttori 53, 64, 65

-    Il direttore e il colloquio fraterno 34, 54, 62, 65

-    Rapporto direttore - ispettore 53, 65, 74

-    Animare responsabilizzando tutti i confratelli 185; in modo speciale il Vicario e il Consiglio 65, 74

Discernimento

-    Discernimento comunitario alla luce della Parola di Dio e delle Costituzioni 13, 15, 32, 44, 73, 81, 185

-    Discernimento vocazionale 48

Don Bosco

-    La missione di Don Bosco 4, 37, 71, 149, 180

-    A Valdocco ha iniziato un'esperienza di famiglia 7, 20, 151, 156

-    Seguendo l'esempio di Don Bosco 21, 37, 141, 144, 178, che è per noi Padre, Modello e Maestro 49, 179, 195

-    Don Bosco, il regalo più bello che Dio ci ha fatto: strada sicura per la realizza­zione umana e per la sequela di Cristo 179

-    La comunità fraterna e apostolica ispirata al criterio oratoriano di Don Bosco 37, 46 ss

Educazione

-    Verificare l'assimilazione degli orientamenti del CG23 a riguardo dell'educazione integrale dei giovani 37, 47

-    Offrire risposte di qualità educativa ed evangelizzatrice alle sfide del mondo gio­vanile 84, 140, 141, 151, 157

-    Programmi di educazione all'amore e di valorizzazione della castità 36

-    Attenzione ai processi educativi più che alle attività 37, 157

-    Collaborazione con istituzioni ecclesiali e civili nel campo dell'educazione 46

-    Il direttore orientatore degli impegni di educazione 64

Emarginazione Cf. Poveri

Équipe

-    Mentalità di lavoro in équipe 29, 47, 48, 57

Esperienza spirituale

-    Vivere un'intensa esperienza spirituale nella comunità 30, 31, 40, 192, 197

-    Proporre ai giovani ambienti ed esperienze di forte carica spirituale 47, 48

195

Eucaristia (Celebrazioni)

-    Fondamento della vita comunitaria e sorgente di vita spirituale 1, 19, 31, 61, 142, 146, 166

-    L'Eucaristia quotidiana 31, 54

Evangelizzazione

-    La comunità e la sua testimonianza come carta vincente nell'evangelizzazione 155, 170, 197

-    Presenza che educa ed evangelizza coinvolgendo la CEP 40, 44, 47, 162, 183

-    Formarsi per l'evangelizzazione nei nuovi contesti 47, 81, 84, 194, 197

-    I giovani più maturi, protagonisti dell'evangelizzazione dei coetanei 47

Famiglia Salesiana (FS)

-    La comunità salesiana centro di animazione e di comunione nella Famiglia Sale­siana e nel vasto Movimento che si ispira a Don Bosco 6, 37, 43, 84, 85, 133, 138

-    Corresponsabilità nella missione, promuovendo la collaborazione con i vari gruppi della Famiglia Salesiana 39, 43, 46, 48, 70, 138

-    Diventare scuola di preghiera per se stessa, per i giovani, per i membri della Fa­miglia Salesiana e i collaboratori laici 31

-    Attenzione alla pastorale vocazionale nella Famiglia Salesiana 41, 84

-    Formazione permanente della Famiglia Salesiana 60

-    Messaggio del CG25 alla Famiglia Salesiana 138

Fede

-    Visione e motivazione di fede 12, 20, 41, 54, 151, 152

-    Comunicazione dell'esperienza di fede 31, 37, 85, 86

-    Sintesi fede cultura e vita 44

-    La CEP, comunità di fede 48

Formazione

-    Formazione iniziale

-    Attenzione ai confratelli giovani e in formazione iniziale 54, 60

-    Abilitare i confratelli in formazione iniziale ad acquisire le convinzioni e gli atteggiamenti necessari per la formazione permanente 56, 60

-    Il primo compito del direttore 64

-    Formazione permanente 195

-    La comunità salesiana, luogo privilegiato di formazione permanente 55, 56, 58, 159

-    Strumenti di formazione: la programmazione, le biblioteche... 60, 61

-    Alcuni ambiti importanti di formazione 57

-    Formazione insieme tra SDB e laici, mediante processi adeguati che promuovano la condivisione di criteri e di obiettivi e il senso organico della nostra azione 26, 46, 50, 60, 138, 157

196


-    Impegno della comunità salesiana nella formazione dei laici nella CEP 39, 50, 60

-    Formazione del direttore: cf. direttore

Gesù Cristo

-    La comunione fraterna è dono del Padre in Cristo Gesù 8, 49, 85

-    Cammino comunitario e personale di sequela di Cristo 17, 23, 25, 30, 33, 35, 37; ogni comunità è chiamata a "ripartire da Cristo" 188

-    La fede in Cristo unisce la comunità e la rende gioiosa e profetica 157

-    Testimonianza comunitaria della sequela radicale di Cristo 33, 184, 195

Giornata della comunità

-    La "giornata della comunità" valorizzata e vissuta con creatività 11, 15, 53, 58, 61, 62

Giovani (cf. anche Presenza)

-    Situazione del mondo giovanile: conoscerla e condividerla 3, 57, 85, 112, 150, 157, 187

-    Attenzione ai giovani più poveri e in difficoltà 35, 39, 46, 47, 84, 103, 140; edu­care alla solidarietà e alla giustizia 44, 47, 48

-    Una comunità per i giovani e con i giovani 6, 7, 19, 21, 37, 46, 137, 139, 146, 147, 151, 185; che diviene segno evangelico per loro 23, 36, 37, 40, 84, 85, 166

-    Rendere visibile la comunità salesiana tra i giovani, condividendo alcuni mo­menti, con qualità di presenza 43, 46, 48, 68, 69

-    Evangelizzazione dei giovani, condividendo con loro esperienze di spiritualità sa­lesiana 22, 30, 31, 40, 44, 46, 47, 146, 162, 194; con una metodologia adeguata 47; dono della santità per i giovani 170, 191, 196

-    Accompagnamento e formazione dei giovani nei gruppi e nel MGS 41, 47, 48, 80, 141, 146, 167

-    Proposta vocazionale per i giovani 41, 45, 48, 152, 197

-    Gli stessi giovani corresponsabili della missione 46, 47

-    I giovani confratelli 48, 54, 137

-    Messaggio del CG25 ai giovani 139

-    Appello per salvare i giovani del mondo 140

Grazia di unità

-    Vivere la grazia di unità 24, 26, 30, 32, 184, 185

Identità carismatica

-    Crescita nell'identità carismatica 14, 20, 26, 88, 142, 158, 190

-    L'identità vocazionale cristiana e salesiana come centro della formazione perma­nente 14, 50, 57, 58, 179

-    Il direttore come servitore dell'unità e dell'identità salesiana 64

197

-    La comunità salesiana come punto di riferimento per l'identità carismatica del nucleo animatore della CEP 39, 43, 70, 71, 78, 79, 80

-    Il Consiglio Generale accompagni il processo di inculturazione assicurando la fedeltà carismatica 88, 94

Ispettoria/Ispettore

-    Responsabilità dell'Ispettore con il suo Consiglio nell'applicazione del CG25:

-    Promuovere un'autentica condivisione di beni 35

- Stabilire norme di condotta in riferimento alla pratica della castità 36

- Elaborare, attraverso la Commissione ispettoriale per la formazione, il pro‑

gramma annuale per la formazione permanente 60

- Elaborare il progetto ispettoriale per la qualificazione del personale 60

-    Promuovere la formazione dei direttori 65

-    Elaborare il Progetto Organico Ispettoriale 82, 83, 84

- Suggerire modalità e sussidi per l'elaborazione del progetto di vita personale e il progetto di vita comunitaria 16, 74

-    Rapporto del Rettor Maggiore e Consiglieri con le Ispettorie 91, 98, 102, 106, 114

-    Organizzazione dei Gruppi di Ispettorie 126-130; divisione del gruppo Australia-Asia 135

Laici

-    Condivisione della vita fraterna con giovani e laici 11, 46, 68

-    Condivisione dell'esperienza spirituale con i laici e i giovani 30, 31, 46; la comu­nità salesiana, scuola di preghiera per i giovani e per i laici 61

-    Coinvolgimento dei laici nella missione e nell'animazione della CEP 37, 39, 79, 80, 84, 142

Lavoro (cf anche Preghiera)

-    Gestione equilibrata dei tempi di lavoro in comunità 26, 27, 32, 44, 68

-    Lavorare in équipe con mentalità di progetto 47, 57, 69, 71, 72, 81

-    Imprimere al lavoro una costante carica di amore evangelico 170; con lo sforzo per vivere la grazia di unità, armonizzando vita fraterna, preghiera e lavoro 26, 30, 32

Maria (Maria Ausiliatrice)

-    La comunità, sull'esempio di Maria, si impegna a mettere Dio come centro unifi­cante del suo essere 21, 31, 181

-    Avendo Maria come Madre e Maestra, ricerchiamo con fiducia un progetto educa­tivo pastorale comune 37

-    Crediamo che la comunità salesiana è guidata e sostenuta dalla materna presenza di Maria Ausiliatrice 85, 164, 198

-    "La Vergine Santissima, che voi venerate con il titolo di Maria Ausiliatrice, guidi i vostri passi e vi protegga dappertutto" 171

198


Mentalità progettuale (cf anche Progetto comunitario)

-    Operare secondo una mentalità progettuale 73, 90, 97, 99

-    La programmazione comunitaria, momento forte di formazione nella quotidianità 56, 58, 62

-    La programmazione del sessennio del Rettor Maggiore con il suo Consiglio 90, 104, 115

Movimento Salesiano

-    Il Movimento Giovanile Salesiano, spazio di incontro e presenza della comunità salesiana con i giovani 41, 47, 48

-    Il movimento laicale salesiano (cf. Laici) 138

Papa (Giovanni Paolo 11)

-    Chiamati ad accogliere l'invito del Papa ad annunciare Cristo, specialmente ai giovani, come modello perenne di nuova umanità 3, 148, 162, 188

-    Messaggio di S.S. Giovanni Paolo II per l'inizio del CG25 141-146

-    Discorso di S.S. Giovanni Paolo II nell'Udienza ai Capitolari 169-171

Parola di Dio

-    Centralità della Parola di Dio nella vita comunitaria e personale 11, 14, 31, 151, 197

-    Favorire tra i confratelli e tra i giovani la "lectio divina" 47, 61, 73, 185

Partecipazione (cf anche Corresponsabilità)

-    Costruire comunione attraverso la partecipazione alla vita e alla missione comune 8, 15, 37, 43, 53, 68, 81, 157, 159, 163, 185

-    Il dialogo fraterno facilita la partecipazione di tutti, armonizzando il progetto per­sonale di vita e quello comunitario 74

-    I giovani più maturi protagonisti dell'evangelizzazione dei loro coetanei 47

Perdono (cf anche Correzione fraterna)

-    Fondamentale sorgente di formazione spirituale 31, 54, 61, 144

-    Proporre ai giovani e vivere con loro momenti di intensa esperienza spirituale: Eucaristia, Riconciliazione, "lectio divina", preghiera, incontri, ritiri 47, 48

Poveri (cf anche Giovani)

-    La comunità salesiana tra i poveri 6, 22, 23, 35, 46, 84, 96

-    Attenzione positiva alle nuove e antiche povertà giovanili 35, 39, 44, 103, 112, 140, 166, 187

-    Assumere uno stile di vita più semplice ed austero nell'accoglienza e condivi­sione con i poveri 28, 47, 161

199

-    Educare alla giustizia e solidarietà i giovani, sia quelli che vivono in contesti di povertà, sia quelli che vivono in contesti di benessere 44, 47, 185

-    Promuovere la pace e la giustizia con risposte concrete ai bisogni dei poveri 80

-    Appello per salvare i giovani del mondo (nelle situazioni di povertà, emargina­zione, violazione della loro dignità) 140

Preghiera

·    Preghiera personale - Difficoltà 54 - Priorità dei tempi di preghiera, di riflessione personale e di ritiro 58, 62, 162

-  La "lectio divina" 31, 47, 61, 73, 185

·    Preghiera comunitaria

-  Riconosciamo di essere radunati dall'ascolto della Parola di Dio, dalla pre­ghiera comune 1

- Momenti specifici di preghiera comunitaria 15, 18, 26, 31, 58, 185; sorgente di formazione spirituale 61

- La qualità della preghiera comunitaria per divenire scuola di preghiera per la stessa comunità, per i giovani e per i membri della Famiglia Salesiana e colla­boratori laici 31, 144, 159

- Preghiera comunitaria con i giovani 46, 47, 48

·    Preghiera e lavoro

-  Gestione equilibrata dei tempi di lavoro, di vita comunitaria e di preghiera 26, 27, 30, 54

-  Verifica periodica dell'equilibrio tra impegni di lavoro, esigenze di vita comuni­taria, tempi di preghiera, di studio e di riposo 32, 54

Presenza (cf anche Giovani)

-    La presenza salesiana

-  una realtà dinamica, una rete di relazioni, un insieme di progetti e di processi, attivati dalla carità pastorale e realizzati con i giovani, i laici e la Famiglia Sa­lesiana 42

- la comunità rende visibile la presenza salesiana, la anima e ne promuove la crescita 38

-  ma il soggetto di tale presenza non è esclusivamente la comunità salesiana 42

-    Rinnovare la qualità della presenza della comunità salesiana tra i giovani 44, 45, 46, 47, 48, 139, 145, 162, 193

-    Presenza dei SDB nella Comunità educativo-pastorale (CEP) e nella Famiglia Salesiana 4, 14, 43

-    Presenza animatrice nel territorio e nelle Istituzioni dove si decide sulla condi‑

zione giovanile 43, 46, 97                                 ­

-    Criterio di presenza è il criterio oratoriano e il Sistema Preventivo 37, 39, 46

200


Profezia (presenza profetica)

-    La comunità salesiana è chiamata a diventare annuncio profetico dell'amore di Dio e dei valori del Regno tra i giovani che vivono in contesti di secolarizzazione 19, 25, 30, 40, 44, 47, 66, 197

-    Segni profetici attraverso l'austerità e un modo di vita semplice che proclami il valore e dignità di ogni persona 35, 36

-    Priorità delle presenze più significative e profetiche come una autentica espres­sione della missione salesiana nel territorio 83, 84

Progetto

·    Progetto comunitario

-  Natura del progetto comunitario: garantire l'unità dell'azione, la convergenza dei criteri, l'armonia tra le persone... 46, 72, 73

- Il processo di elaborazione che impegna tutta la comunità nelle sue diverse componenti 15, 61, 64, 73, 74

- Armonizzare il progetto personale di vita e quello comunitario 31, 74

-  Il progetto comunitario in linea con il Progetto Organico Ispettoriale e con il PEPS di ogni CEP 74, 78

·    Progetto Organico Ispettoriale (POI)

-  Natura del Progetto Organico Ispettoriale 82

-  I suoi obiettivi 83

-  Criteri per la sua elaborazione 84

·    Progetto personale (piano personale)

- Il confratello, come primo responsabile della propria formazione, valorizzi il "Progetto personale di vita salesiana" 14, 56

-  Sussidi per elaborare il "Progetto personale di vita salesiana" 16 - Integrazione tra il progetto personale e quello comunitario, curando la loro in­terrelazione e condivisione 31, 74

-  Argomento del colloquio col direttore 62

·    Progetto educativo pastorale (PEPS)

- Vivere l'obbedienza coinvolgendo tutti i confratelli nel nucleo animatore della CEP e nell'elaborazione ed applicazione del PEPS 34

- Divenire fermento di comunione tra i giovani e i laici progettando e verificando il PEPS, secondo una metodologia che favorisca la corresponsabilità di quanti condividono la missione educativa 39, 46, 159, 194

Proposta vocazionale

-    Presenza che accompagna e diviene proposta vocazionale nello stile dell'assi­stenza salesiana 37, 41, 45, 48, 144, 196

-    Metodologia dell'accompagnamento e della proposta vocazionale 48, 185

201

Rapporti interpersonali

-    Vivere rapporti interpersonali di qualità 9, 11, 136

-    Attenzione speciale all'area affettiva e alla capacità di rapporti interpersonali 60

Rapporto comunità - opera (comunità - CEP)

-    Il rapporto tra Comunità ed Opera deve permettere alla comunità salesiana di vivere e lavorare insieme 69, 71, 78

-    Armonizzare il rapporto tra le strutture di governo della comunità religiosa e le strutture di governo dell'opera, evitando sovrapposizioni 79

Rettor Maggiore (cf. anche Consiglio generale)

-    Il servizio di unità del Rettor Maggiore 91

-    Programmazione del Rettor Maggiore per il sessennio 90, 104, 186

-    Le lettere-circolari del Rettor Maggiore 92, 93, 101

-    Limitazione della durata in carica del Rettor Maggiore 131

Ritiri

-    Momenti specifici della vita comunitaria 15, 53, 62

-    Momenti di intensa esperienza spirituale con i giovani 47

Salesiano/i

Nota: Tutto il testo capitolare è ricco di riferimenti al salesiano e ai salesiani, ai quali è specificamene indirizzato. In questo indice si riportano solo alcuni elementi riferiti alla vocazione del salesiano coadiutore, che il Capitolo ha voluto evidenziare.

Salesiano Coadiutore

-    Testimoniare in comunità il valore della vocazione del salesiano prete e del sale­siano coadiutore 48

-    In Artemide Zatti sono messi in evidenza il valore e l'attualità del ruolo del sale­siano coadiutore 143, 196

-    Rendere operativo in ogni Ispettoria l'impegno rinnovato, straordinario e speci­fico per la vocazione del salesiano coadiutore, specialmente nella pastorale giova­nile e nella Famiglia Salesiana 137, 138, 196

-    Cura dei coadiutori che hanno appena compiuto la formazione iniziale 60

-    Messaggio del CG25 ai confratelli salesiani, con riferimento alla vocazione del salesiano coadiutore, in occasione della beatificazione di Artemide Zatti 137

Santità

-    Il Sistema Preventivo come scuola di santità e fraternità 6, 57, 143, 188

-    Vivere in profondità la propria vocazione alla santità nello spirito di Don Bosco 1, 52, 86, 170

-    Santità e comunione: ecco i doni che vogliamo condividere con i giovani 86, 143, 168, 196

202


-    Modelli di santità 138, 154, 168

-    Appello del Papa ad essere santi, educatori dei giovani alla santità 143, 170, 188

Significatività

-    Aspetti che influenzano la significatività del nostro "vivere e lavorare insieme" 69, 159

-    Nel Progetto Organico Ispettoriale si valuti la significatività della missione 84

-    Presenza più significativa ed efficace del Rettor Maggiore e Consiglio nelle Ispet­torie 98

-    La Famiglia Salesiana, un campo di azione significativo tra le priorità apostoliche della nostra missione 133

-    Ricollocare l'Ispettoria lì dove sono più pressanti i bisogni dei giovani e dove è più feconda la nostra presenza 193

Sistema Preventivo di Don Bosco

-    Il Sistema Preventivo di Don Bosco mantiene ancora oggi la sua validità 6, 85

-    Lo spirito di famiglia, vissuto secondo il Sistema Preventivo 9

-    La conoscenza e la pratica del Sistema Preventivo di Don Bosco, anche tra i laici, come via di santità salesiana 14, 26, 57

-    Con la pratica del Sistema Preventivo ci rendiamo capaci di essere oggi una pro­posta significativa nell'educazione dei giovani 138

-    Il Sistema Preventivo (la pedagogia di Don Bosco) è un grande tesoro per i Figli di Don Bosco 153; esso ha al centro la carità 151

Solidarietà (cf anche Poveri)

-    Testimonianza evangelica nella comunione dei beni 23, 28

-    Fare della solidarietà un principio regolatore del proprio vivere ed agire 35, 44, 186

-    Promuovere la cultura della solidarietà 161

-    Offrire ai giovani proposte di qualità per educarli alla giustizia e alla solida­rietà 47

Spirito di famiglia

-    La comunità salesiana, vivendo lo spirito di famiglia diviene punto di riferimento per l'identità carismatica della CEP 80, 85, 144

-    Vivere in spirito di famiglia il servizio dell'autorità 23

Spirito Santo

-    Don Bosco, mosso dallo Spirito 7

-    Con la forza dello Spirito Santo seguiamo il Signore Gesù 17, 85

-    La comunità, dono dello Spirito Santo 1, 24, 152

-    La comunità favorisce una profonda vita nello Spirito 34

203

Spiritualità di comunione (cf anche Comunità)

-    Animare la comunità ad una spiritualità di comunione 58, 163, 188

-    Essere casa e scuola di comunione 1, 37, 86, 144, 166

-    Divenire centro di animazione e di comunione nella Famiglia Salesiana e nel vasto Movimento che si ispira a Don Bosco 6, 7, 8

-    Presenza che accoglie e costruisce comunione, attraverso una vera interazione nella gestione dei problemi 46, 98

Spiritualità salesiana

-    Chiara coscienza della spiritualità salesiana che alimenta l'impegno della frater­nità 11, 26, 60; rinnovamento spirituale dei salesiani 191

-    Revisione della vita sugli elementi essenziali della spiritualità salesiana 31

-    Vivere la spiritualità salesiana tra i giovani e i laici 46, 138, 162; una proposta di vita cristiana: la Spiritualità Giovanile Salesiana 183

Strutture (di animazione e di governo)

-    La verifica delle strutture di animazione e di governo centrale fatta dal CG25: cf. parte seconda 87-130

-    Le strutture al servizio dei giovani, soprattutto i più poveri 35, 37, 44, 46, 186, 194

-    Armonizzare il rapporto tra le strutture di governo della comunità religiosa e le strutture di governo dell'opera, evitando sovrapposizioni 79

-    Riorganizzare le strutture operanti nella Casa Generalizia 113

Studio

-    Equilibrio tra impegni di lavoro, esigenze di vita comunitaria, tempi di preghiera, di studio e di riposo 32, 54, 58

-    Il Consiglio Generale promuova e guidi la riflessione delle Ispettorie e delle Regioni 98

-    La mancanza di studi e progetti interdisciplinari tra i vari Settori può ostacolare la piena comprensione della condizione giovanile 112, 115

Territorio (Cf anche Contesto)

-    Inserirsi attivamente nel territorio come presenza animatrice e di trasformazione 37,43,46,81,84,193

-    Conoscenza delle situazioni e urgenze del territorio e permanente dialogo e col­laborazione con esso 82, 83

Testimonianza

-    La testimonianza quotidiana personale e comunitaria di pienezza di vita e di fe­licità nella sequela radicale di Cristo diviene per i giovani in una forte proposta vocazionale 19, 20, 28, 33, 36, 48, 138, 155, 157, 189

-    Difficoltà per rendere leggibile la testimonianza 29, 30

204


-    Testimoniare in comunità la vocazione del salesiano prete e del salesiano coadiu­tore in modo visibile, gioioso e attraente 48

-    La consistenza qualitativa e quantitativa della comunità salesiana è condizione fondamentale affinché ogni comunità renda possibile l'esperienza di vita fraterna, di testimonianza evangelica 75, 192

Verifica

-    Sforzo continuo di verifica a tutti i livelli 14, 32, 33, 47, 74, 99, 104, 186

-    Verificare continuamente le condizioni fondamentali che rendono possibile una vita comunitaria 32, 67

-    Verifica del Progetto di vita comunitaria 61, 72, 73, 77

-    Verifica del Progetto Organico Ispettoriale 82

-    Verifica del PEPS, coinvolgendo la CEP 47

-    Gli incontri di programmazione e di verifica, come momenti privilegiati di forma­zione permanente 56, 58

-    Verifica della celebrazione degli ultimi Capitoli Generali da parte del Consiglio generale 136

Vicario del Rettor Maggiore

-    Modifica dell'art. 134 delle Costituzioni sulla figura e ruolo del Vicario del Rettor Maggiore; attribuzione al Vicario del RM del compito di animare la Congrega­zione nel settore della Famiglia Salesiana 133

-    Limitazione della durata in carica dei membri del Consiglio generale, compreso il Vicario del RM 132

-    Impegno del Vicario del RM per il coordinamento tra i settori e con i Regionali 115

Visita d'insieme

-    Valutazione positiva 91

-    Verificare le conclusioni delle Visite d'insieme 99

Visita straordinaria

-    La Visita straordinaria è apprezzata come opportunità per l'Ispettoria di valutare e rinnovare il suo cammino 91, 119

-    Verificare le indicazioni della Visita straordinaria, in particolare circa l'impegno di inculturazione 99

-    Difficoltà del Regionale di trovare un equilibrio fra il tempo trascorso nelle Visite straordinarie e gli altri impegni 121

-    Modi diversi di realizzarla 125

Vita consacrata

-    Nuovi contesti in cui oggi è inserita la vita consacrata 158, 166

-    Il vasto movimento di rifondazione della vita consacrata 2, 51, 189

205

Vita fraterna Cf Comunità

Vocazione

— Prendere coscienza della nostra vocazione 1, 2, 4, 6, 37

— La comunità salesiana, primo luogo di crescita vocazionale 41, 48

— Testimoniare in comunità la vocazione del salesiano prete e del salesiano coadiu­tore 48, 137, 196

— Essere presenza che accompagna e diviene proposta vocazionale 41, 48

— La comunità salesiana vive la sua vocazione come punto di riferimento per l'iden­tità carismatica del nucleo animatore della CEP 80, 163

— Il direttore come animatore della fedeltà e crescita vocazionale dei confratelli e dei collaboratori laici 52